2014-08-23 Monte Corvo

2014-08-23 Monte Corvo

Località di partenza РPiazzale albergo di Campo Imperatore (AQ)

Distanza percorsa – 19,60 Km

Salita accumulata – 1700 metri

Durata dell’escursione – 9 ore e 30 minuti

Cime raggiunte – Monte Corvo (2623 m.)

Mappa dell'escursione

Profilo altimetrico dell'escursione

Vista 3D dell'escursione

Foto e descrizione dell’escursione

Dopo quasi un anno torno in montagna in compagnia di mio fratello Roberto e di due suoi amici: Piero e Antonio con i quali avevo avuto gia' occasione di scarpinare. Ancoira una volta, nonostante la difficolta' di questo itinerario, mi seguono i miei figli Elena e Francesco.

Il Corvo, con i suoi 2623 metri non e' una montagna facile da qualunque parte lo si decida di scalare e, da Campo Imperatore, a causa della notevole distanza risulta abbastanza ostico ma a noi, le cose facili ... non piacciono.

Il programma prevedeva di raggiungere il Corvo seguendo l'itinerario che porta fino alla Sella dei Grilli, sotto Pizzo d'Intermesoli, scendere per la valle sottostante fino all'inizio di Valle Venacquaro per poi risalire fino alla sella di Monte Corvo dalla quale raggiungere la cima

Al ritorno invece avremmo dovuto raggiungere la sella di Malecoste per poi percorrere l'omonima cresta, meno monotona della risalita alla sella dei Grilli.

Partiamo sotto un bellissimo sole e con una temperatura fresca ma gradevole. Velocemente raggiungiamo, sotto Pizzo Cefalone, il bivio per il sentiero 1V che ci porta fino alla Sella del Cefalone. Qui, invece di raggiungere percorrendo la cresta la Sella dei Grilli decidiamo di scendere direttamente verso la valle in quanto il terreno lo permetteva e cosi, dopouna ripida discesa raggiungiamo il pratone sottostante sul quale, comodamente, ci muoviamo per raggiungere a quota 1950 metri circa l'inizio della valle Venacquaro.

Iniziamo cosi la ripida risalita che ci portera' ai 2305 metri della sella di Monte Corvo, fermandoci pero' per una sosta alla freschissima fonte che si trova una volta iniziata la salita.

La salita e' dura ma alla fine si arriva alla sella senza problemi. Purtroppo pero' qui iniziamo a fare i conti con un vento violentissimo che purtroppo ci accompagnera' fino alla fine della giornata. Iniziamo la salita ed ecco la sorpresa. Il sentiero che mi ricordavo, in direzione Nord - Ovest ha i primi segni cancellati mentre ce ne sono di nuovi a destra, in direzione Nord - Est. Non conoscendone il motivo decidiamo di fidarci e seguiamo i nuovi segnali. Il ripido sentiero porta sotto i primi contrafforti rocciosi del Corvo. Passa sotto una paretina di roccia e finalmente sale in mezzo a dei massi per raggiungere la cresta che ci condurra' alla cima.

Una volta sulla cresta tutto sommato larga e comoda e anche un poco riparata dal vento, torniamo in direzione Ovest per puntare la cima che comincia a scomparire fra le nuvole. Camminiamo spediti e incontriamo, poco prima della salita finale il vecchio sentiero che avevo gia' percorso in un'altra occasione. Continuiamo la divertente salita infastidita solo dal vento che aumenta di intensita' e alla fine, poco dopo le dodici, raggiungiamo tutti la vetta. Per fortuna che sul lato riparato dal vento della cima c'e' un bel praticello assolato che ci permette di riposarci dalle fatiche dell'ascesa. Sulla cima incontriamo alcuni escursionisti anche conosciuti, o direttamente oppure perche' frequentanti le varie piazze virtuali su Internet.

Dopo un meritato riposo e dopo le foto di rito iniziamo la discesa con il vento che non accenna a calmarsi, anzi. Infatti arrivati alla sella sottostante decidiamo di tralasciare la cresta delle Malecoste che non offrirebbe alcun riparo dal vento e ripercorriamo piu' o meno la via dell'andata. Puntiamo la sella dei Grilli ma mentre ci avviciniamo il cielo comincia a cambiare decisamente colore. Raggiunta la sella cominciano a cadere le prime gocce d'acqua sempre piu' intense e decidiamo di usare le mantelle che pero' diventano delle pericolose ali con il vento che spazza la cresta. A fatica raggiungiamo la sella del Cefalone e fortunatamente smette di piovere. Il tratto dalla sella fino al bivio con il sentiero 1 e' tranquillo in quanto siamo riparati dal vento dalla mole di Pizzo Cefalone.

Arrivati al sentiero siamo di nuovo in balia del forte vento ma ormai manca poco a Campo Imperatore per cui stringiamo i denti e, alle cinque e mezzo arriviamo alle auto. Qui solo per togliersi gli scarponi e' uno stillicidio: quasi non si riesce a stare in piedi. Alla fine riusciamo nell'impresa e ci precipitiamo al Bar dell'albergo per consumare una bevanda calda, appena in tempo che un violento nubifragio si abbatte sulla zona ... e che ci accompagnera' fino a Roma.

Comunque tutto sommato e' andata bene e la meta principale della giornata e' stata raggiunta con soddisfazione da tutto il gruppo.

Grazie a tutti i partecipanti per la bella escursione.

Ed ora, la parola alle foto ...

Guarda le foto in formato album

Autore: Marco DT

Qui trovi le tracce GPS in formato .plt e .gpx

2014-08-23 Monte Corvo